Libri belli, libri gratis - "Babbo Natale Rubacuori", Valeria Evan - Librecensione

Salve a tutti miei cari lettori e ben trovati in un nuovo post!
Oggi secondo appuntamento con la rubrica “Libri belli, libri gratis” in cui parlerò di libri/novelle/racconti disponibili gratuitamente con l’abbonamento Kindle Unlimited ( ma disponibili anche a piccole cifre su amazon e altre piattaforme di distribuzione di ebook), al fine di scoprire le storie più carine e “giudicare” l’offerta del catalogo.
Se volete trovate QUI la scorsa recensione.



La lettura di questa settimana è stata “Babbo Natale Rubacuori” di Valeria Evan, e non posso non continuare a pensare di quanto la storia calzi a pennello per una trasposizione televisiva, di quelle sdolcinate e strappalacrime che trasmettono su La5!

“Luke è ancora un bambino e crede fermamente che Babbo Natale possa avverare ogni desiderio.
Sfortunatamente la sua lettera viene rubata, insieme a molte altre, da un ladro incappucciato che una notte decide di rubare l'intera cassetta delle lettere che ogni anno viene installata al centro della città.
Il furto viene ripreso dalle telecamere ma ciò non basta a capire chi sia il colpevole, tutti lo chiamano il ladro del Natale.
Ma se per esaudire il desiderio di Luke il destino avesse deciso che l'unico modo fosse quello di affidare la lettera a un truffatore che non crede più nel Natale?
Se il ladro non riuscisse a resistere alle parole di un bambino e si lasciasse convincere a compiere un piccolo miracolo?
Regalare l'altra metà della felicità per renderla completa non è facile, soprattutto quando non si è in grado di capire dove si trovi la metà mancante.
Un bambino, un papà e un ladro... e poi la felicità inafferrabile che prende forma e dona la speranza a chi da tempo l'ha perduta.”


                                                          

La storia parte in un modo che non mi sarei mai aspettato, soprattutto vista la descrizione del libro, in cui il protagonista sembra essere un bambino: una scena di sesso sfrenato, descritta fin nei minimi dettagli e a tinte molto colorate.
Anche nello scorso libro letto “Darjeeling Christmas” avevo criticato questo neo (ma a quanto pare il sesso esplicito nei romanzi rosa è una tendenza molto in voga) ma voglio spiegarmi, per non essere tacciata di bigottismo. Trovo non ci sia assolutamente nulla di male nel descrivere scene erotiche all’interno di un romanzo, sia perché il sesso fa parte della vita e sia perché è espressione di amore e passione. Però mi spiego la tendenza all’essere così espliciti e dettagliati ( l’intero prologo del libro si apre con una lunga scena erotica) nei romanzi rosa. Tanto più, se leggete la descrizione del romanzo, il protagonista dovrebbe essere un bambino, e mi sarei aspettata una storia tenera e commovente, non a tinte decisamente più adulte.
Ad ogni modo, questo è stato il tratto che mi ha fatto storcere il naso, in quanto non me lo spiego e non lo trovo completamente necessario ai fini narrativi, anche perché sembra buttato lì quasi completamente a caso e toglie molta della delicatezza e del candore che la storia prometteva di avere.

La protagonista principale del romanzo è Felicity, una donna che non riesce a trovare l’uomo giusto neanche grazie ai numerosi appuntamenti al buio che le organizza sua sorella Abby. Lei si considera “l’anti-amore” in virtù di relazione sbagliate e del divorzio pesante dei suoi.
Dopo l’ennesimo appuntamento andato male, un po’ a causa dell’alcool, un po’ a causa di un errore (aveva imbucato una lettera scritta da bambina cui era molto legata al posto di quella con la richiesta dei regali stesa da sua nipote), si ritroverà a scardinare e rubare la cassetta delle lettere destinate a Babbo Natale, situata al centro della città.
Questo atto vandalico le consentirà di leggere una lettera molto speciale, scritta da Luke, nella quale chiedeva, come regalo di Natale, una nuova compagna per il padre, che potesse renderlo di nuovo completamente felice dopo la scomparsa della mamma.
Felicity così deciderà di realizzare il sogno di Luke, rintracciando l’uomo e cercando di organizzargli un appuntamento con sua sorella.
Infatti Licy, così soprannominata la nostra protagonista, non esita un instante a creare un falso profilo Facebook dove si finge la sorella e inizia a chattare con Aaron.
Tra i due nasce subito un’intesa piuttosto profonda, e, tra mille peripezie, fraintendimenti e guai, la magia del Natale prenderà il sopravvento e farà sì che tutto si risolva nel migliore dei modi.

Purtroppo non ho molto da dire su questo romanzo, perché sebbene l’abbia trovato molto carino e molto godibile, è anche molto prevedibile. Dalle prime pagine si riesce a indovinare quale sarà il finale e come si svolgerà la storia.
Tuttavia non è una lettura che mi è dispiaciuta, infatti può regalare qualche ora di piacevole immersione in una storia molto romantica e super natalizia, che risulta confortante e ricca della magia delle Feste.

L’aspetto psicologico dei personaggi è costruito piuttosto bene, e la storia non ha buchi di trama e non ci si arrampica sugli specchi per trovare soluzioni astruse alle situazioni che si vengono a creare. Però c’è da dire che alcuni avvenimenti succedono in modo piuttosto affrettato e hanno tolto un po’ di credibilità alla storia.

Lo stile è piacevole, a tratti molto intrattenente e ad altri molto commovente, proprio perché si vanno ad analizzare aspetti della vita molto complessi e delicati, cosa che l’autrice affronta con una delicatezza e una dolcezza sorprendente.

Trovo che sia una lettura apprezzabile per un certo tipo di pubblico, grazie ad alcuni suoi elementi toccanti, ma anche al fatto che si legge molto velocemente ed è una storia coinvolgente e carina, ma personalmente temo che la storia di Felicity e Luke e Aaron non mi resterà impressa.

Per questa recensione è tutto, purtroppo il  mio giudizio su questo parere è “senza infamia e senza lode”, e questo non mi ha dato modo di parlarvene in modo più approfondito, come cerco di fare nelle mie recensioni.
Fatemi sapere se conoscete questa storia e qual è il vostro parere in merito! Vi ricordo di diventare lettori fissi del blog per non perdere i prossimi post a tema natalizio e non!
Buone letture,
Giorgia

Commenti

  1. Cara amica, fai sempre recensioni super complete, nonostante il tuo giudizio finale sia positivo o negativo <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre troppo gentile, cara amica mia <3
      Ma ti ringrazio, perché non potevi farmi complimento più bello **

      Elimina
  2. Avevo già letto la trama... ma avevo deciso di non leggere la storia perché la cover mi ricordava una storia poco tenera e molto "piccantina" ahahah
    p.s. da come lo descrivi, ti do ragione sulla trasposizione cinematografica :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalla trama mi sembrava una storia tenerella e natalizia... Dalla cover avrei dovuto capire tante cose, hai ragione :D
      L'unico caso in cui la copertina è più esplicativa della trama!!!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Librecensione: "Portobello Road", Annalisa Malinverno

Librecensione - "L'Ultimo Guardiano dei Sogni", Giulia Raiti