SETTE LIBRI CONSIGLIATI PER L'ESTATE - Collab. Vivere tra le righe

                    

Salve a tutti e benvenuti in questo nuovo post! Che è molto speciale, in realtà, perché rappresenta la mia prima collaborazione qui sul blog :D E sono super felicissima che sia con Eleonora di “Vivere tra le righe” ( qui il link diretto al suo blog, vi consiglio di visitarlo perché è tra quelli che leggo più volentieri!  http://viveretralerighe.blogspot.it/  ).
Ho conosciuto e già collaborato con Eleonora grazie al mio canale Youtube (  che trovate qui, insieme alla recensione-collab.  https://www.youtube.com/watch?v=SPQRzka38Zk&t=177s ), e mi sento davvero fortunata ad averla incontrata sul mio cammino, perché trovo sia una persona magnifica, sia al livello personale sia al livello di impegno e lavoro che impiega nel suo blog, e trovo sia assolutamente un tesoro <3

Dopo essermi dilungata in (meritatissime!) smancerie, veniamo al dunque di questo articolo che è dedicato alle letture consigliate per l’estate. Eleonora ed io abbiamo pensato a sette libri da proporre che ci sembrano adatti per il periodo estivo o ( per come l’ho pensata io) letture da fare perché vi si può dedicare più tempo.
 

Il primo libro di cui vi parlerò è in realtà una serie, e sto parlando de “La saga del BarLume” di Massimo Malvaldi, che ha acquistato maggiore notorietà grazie ai film prodotti da Sky che vedono come protagonista Filippo Timi ( che è sempre un bel vedere :D ).
La saga comprende: “La briscola in cinque”, ”Il gioco delle tre carte”, “Il re dei giochi”, “La carta più alta”, “Il telefono senza fili” e “La battaglia navale”, inoltre è stata recentemente pubblicata una raccolta di racconti che hanno sempre come protagonista Massimo il Barrista e i quattro adorabili vecchietti assidui frequentatori del bar. Tutti sono editi Sellerio e hanno un prezzo di copertina di circa 13€.
Se mi conoscete già dal canale Youtube, saprete quanto io adori i romanzi di Malvaldi! Sono dei gialli costruiti molto bene, ricchi di umorismo toscano, pieni di colpi di scena ed espedienti inaspettati, spesso e volentieri comici. Il BarLume è il fulcro assoluto delle storie, e il fatto che sia un bar mi piace tantissimo perché va a raccontare uno spezzato d’Italia ancora familiare nelle realtà di paese. Infatti è qui che grazie ai pettegolezzi e le chiacchiere si riescono a carpire notizie succose ancor prima di qualsiasi giornale. Massimo poi è un personaggio delineato perfettamente sin dal primo romanzo, grazie al suo intuito infallibile riesce a dare un aiuto spesso fondamentale alle indagini sui vari omicidi e “storiacce” che avvengono a Pigneto. Come sono pure delineati i vecchietti che danno gioie e dolori a Massimino, e che sono ispirati ad alcuni parenti dell’autore.
Io vi consiglio seduta stante la lettura di questi libri, sia per il loro essere gialli straordinariamente avvincenti, sia perché sono ambientati in un posto di mare, sia perché sono genuinamente d’intrattenimento!



Per il secondo libro cambiamo completamente genere, passeremo a una storia molto bella e conosciuta, che ha dato vita anche a un film diventato cult: “Memorie di una Geisha” di Arthur Golden. Non mi dilungherò troppo su questo libro, poiché ne feci una recensione qualche tempo fa ( di cui vi lascio prontamente il link: https://www.youtube.com/watch?v=ZE1lseeUu_0&t=255s ). Questa storia mi ha colpito sotto tanti punti di vista differenti, dallo stile essenziale ed elegante allo svolgimento della trama, che sboccia, con lo scorrere delle pagine, come una rosa. Non voglio farvi troppi spoiler (anzi, proprio nessuno!), ma questo libro mi ha stregata, raccontando amore e risentimento e struggimento e rivalsa, lasciandomi a bocca aperta per la realtà che racconta e per come lo fa. Da leggere senza se e senza ma almeno una volta nella vita, quindi perché non quest’estate? ;)



Per terzo libro vi propongo un genere a me molto caro, ossia i libri che parlano di libri ( con un tocco di mistero e con un tocco di ambientazione storica) -  mi raccomando, tra l’altro, se avete qualche libro sui generis da consigliarmi non esitate a lasciare un commento, perché i libri così mi fanno impazzire **. “La biblioteca dei libri proibiti” di John Harding è un libro che lessi anni fa, ma di cui conservo un bellissimo ricordo grazie alle sue ambientazioni dalle tinte fortemente gotiche e vittoriane.
Racconta di Florence, una dodicenne orfana cresciuta con lo zio e il fratello in un’antica dimora, nella quale era situata una straordinaria biblioteca, che era però proibita alla ragazza, per un motivo ben preciso. Tuttavia, lo spirito ribelle di Florence la fa disobbedire allo zio, tanto che si recava spesso a leggere i grandiosi romanzi di George Eliot, Jane Austen e Shakespeare. E proprio qui scoprirà una sconvolgente verità sulla morte dei suoi genitori.
Un romanzo ben scritto e dalle componenti ben studiate che mi è piaciuto molto e che vi consiglio di leggere in particolar modo se amate le atmosfere gotiche, misteriose e antiche.
Se conoscete già l’autore e questo libro, vi segnalo anche “L’inganno delle pagine segrete” ( che ha atmosfere e suggestioni simili, ed è sempre una sorta di thriller, ma l’ho inserito in wish list perché sono davvero curiosa di leggere altro di questo autore!).



Col quarto libro cambiamo nuovamente genere! Io vi consiglierò un libro specifico, però in realtà mi sento di dare più un consiglio in generale sul genere stesso che sul libro in sé: come dicevo prima, infatti, in estate, se da un lato prevale la voglia di fare letture d’evasione o leggere, dall’altro, avendo un po’ più di tempo e, magari, voglia, sarebbe bene approfittare per dedicarsi a qualche classico. Sia italiani che stranieri, io reputo molto importante aver presente la letteratura del passato, perché potrebbe sorprenderci con la sua bellezza e sconvolgerci con la sua modernità! Non lasciatevi intimorire dalla mole che alcuni romanzi hanno o dal linguaggio che potrebbe apparire ostico! Grazie a un pizzico di concentrazione in più questi libri potranno darvi tanta soddisfazione e lasciarvi qualcosa di molto bello!
Dal canto mio, io vi voglio consigliare un libro appartenente a questo genere letterario  che mi colpì profondamente, proprio perché va a smascherare i pregiudizi e il perbenismo del suo tempo, con stile sobrio ed elegante e con grande sensibilità d’animo. Sto parlando di “Camera con vista” di Edward M. Forster, che si trova in molte edizione diverse ( da Feltrinelli a Newton Compton a Mondadori).
“Nello scenario lussureggiante di una primavera italiana, l'incontro di Lucy Honeychurch, timorata signorina della buona borghesia inglese in viaggio in Italia, con George Emerson, giovane schietto e anticonformista, infrange le norme del perbenismo imperante e suscita l'indignazione di una società ostinatamente attaccata ai propri pregiudizi e alle convenzioni tacitamente accettate. Ma il richiamo alla vita e all'amore, propiziato dalla trasfigurata campagna toscana, è in Lucy troppo forte perché la morale del suo tempo possa averne ragione.”


Quinto libro è “Guida galattica per gli autostoppisti” di Douglas Adams ( sceneggiatore della serie classica di una delle mie serie tv preferite, ossia Doctor Who), uno dei capisaldi della Fantascienza moderna, condito con magistrale surrealtà e umorismo. Vengono raccontate le peripezie intergalattiche dell’umano Arthur Dent e di Ford Prefect, dalla stelle Betelgeuse. Il romanzo inizia con quella che, per Arthur, è una tragedia: infatti dovranno demolire la sua casa per far spazio a una superstrada. Nel frattempo però, non si accorge che gli alieni stavano per invadere la terra e sarà proprio grazie a Ford che riuscirà a mettersi in salvo e viaggiare in lungo e in largo per l’universo, che è molto più vasto di quello che avrebbe mai immaginato. Una serie meravigliosa, scorrevole, piacevolissima e divertente. Assolutamente consigliata!
Da questo libro (a sua volta tratto da un programma radiofonico della BBC, sempre ideato e sceneggiato da Adams, e che è in realtà composto da 5 libri, che sono : “Guida galattica per gli autostoppisti”, “Ristorante al termine dell’universo”, “ La vita, l’universo e tutto quanto”, “Addio, e grazie per tutto il pesce!” e “Praticamente innocuo”) è stato tratto, nel 2005, un film con Martin Freeman e Zooey Deschanel.
Se avete altre domande su questo libro, la risposta è 42! ( Chi ha letto, capirà :D )



Sesto libro è “Quattrocento” di Susana Fortes, un libro storico a tinte fortemente gialle e thriller ( questi sono i miei libri preferiti in assoluto!). Si svolge parallelamente, grazie a sapienti escamotage letterarie, sia nella Firenze di fine 1400, sia in quella odierna. La dottoranda in storia dell’Arte Ana Sotomayor giunge a Firenze per studiare i quadri di Pierpaolo Masoni, un pittore rinascimentale che esercitava un fascino particolare sulla studiosa a causa del suo lavoro oscuro e della sua anima tormentata. Studiando sui diari dell'artista, Ana verrà coinvolta in una storia antica, che comprendeva il fallimento della congiura della famiglia Pazzi ai danni del Medici, e il segreto che sta per scoprire è tanto grande da far sì che venisse minacciata e iniziasse a temere per lei e per i suoi cari. Romanzo velatissimamente complottista, l’ho adorato ai tempi del liceo perché si legge con gusto e molto velocemente. La storia è molto intrigante e il fatto che le due epoche storiche della città di Firenze si incontrino e si fondano mi piacque tantissimo. Una lettura che vedo benissimo sotto l’ombrellone, proprio perché non troppo impegnata ma che tiene incollati alle pagine.



Per la settima e ultima lettura consigliata farò di nuovo la furbetta ( muahahah!) e anziché consigliare un solo libro o una saga, consiglierò un genere: il genere fantasy. Da “Il signore degli anelli” a “Harry Potter”, passando per la saga dei Nani di Markus Heits, “le cronache del mondo emerso” della Troisi, “ Hyperversum” che è nella mia tbr estiva, fino a Terry Brooks, Pullman con la sua Bussola D’oro, Marion Zimmer Bradley, la saga di Eragon di Paolini, “La casa dei bambini speciali di Miss Peregrine” di Ransom Riggs, la trilogia di Fionavar di Guy Gavriel Kay… potrei continuare all’infinito, ma ve lo evito :D Io adoro il macrogenere del fantasy e tutte le sue “sottocategorie”. Diffidate da chi li addita come libri per bambini, io lo trovo il genere più intrattenete e magico in assoluto! Un buon fantasy può tenere compagnia per anni, e si fa leggere nelle calde serate estive come nelle fredde notti d’inverno, magari davanti a un camino. Dovete solo scegliere quello che vi sembra più congeniale a voi e tuffarvi nella storia!

Per questo articolo è tutto, vi rimando al post di Eleonora per scoprire quali sono i suoi consigli ( io sono super curiosa, vi lascio qui il link:
 http://viveretralerighe.blogspot.it/2017/06/i-7-compagni-di-viaggio-per-lestate.html )
Spero che i miei consigli vi abbiano fatto piacere e che possiate trarne ispirazione! Se così fosse non mancate di farmelo sapere lasciando un commento e, se vi va, diventate lettori fissi del blog per non perdere nemmeno un post :D 
Vi lascio un grandissimo abbraccio e vi auguro ottime letture ( tra l’altro, quali sono le vostre letture estive?! Fatemi sapere, mi raccomando!).


Commenti

Post popolari in questo blog

Librecensione - "L'enigma dell'ermellino, into the Painting", C.C.Omell

Librecensione: "Portobello Road", Annalisa Malinverno