Librecensione: "Portobello Road", Annalisa Malinverno

Salve a tutti miei carissimi lettori e ben trovati in un nuovo post!
Quest’oggi una librecensione di un libro che mi è stato mandato dall’autrice, e già dalla sola trama mi ha incuriosita e conquistata, per cui colgo l’occasione per ringraziarla di avermi dato la possibilità di leggere il suo lavoro!

Il romanzo in questione è Portobello Road, di Annalisa Malinverno, ed è disponibile in copertina rigida edito da Sillabe di Sale editore con un prezzo di 16,50 in copertina flessibile.

                                                        

Qui vi riporto la trama:
“A volte la vita non sembra essere magica, lo sai. Eppure in realtà lo è, anche se a volte può sembrarci il contrario". Anna Wald - ex insegnante precaria, ex fidanzata giù di tono, aspirante scrittrice e alle prese con una nuova vita da riorganizzare da qualche mese vive a Maidenhead, una cittadina del Berkshire poco lontana da Londra. I suoi nuovi vicini di casa sono Tara e Liam. La sua passione più grande è la scrittura e di notte sogna un mondo fantastico, dove vivono tanti scrittori, ma al risveglio, da sola, la vita non le sembra essere più magica. Eppure... L'arrivo inaspettato di un dono che in poco tempo si rivela ben più grande e prezioso di una penna dorata e lucente. Sorprese, nuovi incontri e fortunate coincidenze riusciranno a farle cambiare idea. E dopo un altro straordinario rovescio del destino anche i giorni che precedono il Natale la sorprenderanno nonostante non sia in vena né di feste né di regali. Riuscirà a coronare il suo sogno da scrittrice? A trovare il grande amore romantico? Che non sembra voler arrivare di nuovo nella sua vita. La narrazione si sviluppa a episodi nei quali Anna è affiancata dai suoi nuovi amici e vicini di casa, dagli affetti più cari e dal vecchio antiquario dagli occhi blu, che è una delle figure chiavi del romanzo con Andrew, un affascinante pilota di volo e il direttore di una nota casa editrice londinese. Un racconto denso di speranza e di fiducia, pervaso dalla magia che la vita sa regalarci, anche nei momenti più impensabili. E dalla felicità improvvisa che tutti possiamo donare a chi ci sta accanto.”

La protagonista della storia è Anna, una ragazza che ha amato e perso, che ha lasciato indietro i suoi sogni di diventare una scrittrice, che è però determinata ad andare avanti: per questo ha cambiato casa e la nuova zona in cui vive le fornisce tantissime opportunità, a vari livelli. Innanzitutto la sua vicina Tara, che si rivelerà un’amicizia profonda e importante per lei, nonché una grande fonte di ispirazione e incoraggiamento. Tara la incoraggia ad andare avanti, a non mollare e a prendersi quello che la vita offre senza tirarsi indietro!
Un altro protagonista nella vita di Anna è John, il vecchio antiquario, che instaurerà con lei subito un rapporto unico, di incondizionata fiducia e tenero affetto, che Anna ricambierà con tenerezza ed entusiasmo, poiché sapeva che da quell’uomo avrebbe avuto tanto da imparare.
Infine Andrew, un uomo dannatamente bello e definibile senza dubbio come l’uomo dei sogni: lui ed Anna cominceranno a corteggiarsi e rincorrersi, ma lascio a voi scoprire se si troveranno o meno.

Tutti i personaggi sono descritti dal punto di vista della nostra protagonista, perché è lei a raccontarceli, ma di nessuno viene data una descrizione dettagliata e puntuale, perché è dai loro gesti e dalle loro parole che l’autrice riesce a renderli unici e riconoscibili.
Anche per quanto riguarda la descrizione dell’ambiente circostante, l’autrice sceglie un posto molto noto in cui ambientare la vicenda: Londra, che essendo resa celeberrima da altri film, libri e serie tv, non ha bisogno di essere raccontata in ogni suo dettaglio. Nelle descrizioni vengono date ampie pennellate e piuttosto efficaci, che fanno cogliere l’essenza di una persona o un luogo.

Quel che ho apprezzato molto dello stile narrativo è che ci si concentra molto sulle emozioni e sui sentimenti: più che dire che è una persona o un luogo è in un modo o in un altro, ci si sofferma sulle sensazioni che provocano quei gesti, e questo fa capire molte più cose al lettore.
Sotto questo aspetto ho trovato particolarmente pregevole anche le numerose citazioni di libri, storie di pubblicazione famose, film Disney e canzoni, che arricchiscono il libro e fanno da sfondo a momenti molto piacevoli.

Con uno stile di scrittura semplice ma mai banale, raccontato in prima persona con il punto di vista di Anna, in cui è presente qualche momento particolarmente ispirato e qualche altro più divertente e scanzonato, l’autrice ha creato un romanzo episodico, dove la storia va avanti tramite la descrizione di episodi significativi, con una combriccola di protagonisti coi quali è impossibile non empatizzare: secondo me questa è l’anima della storia, e alla fine della fiera contano poco i rari refusi o qualche imprecisione nella punteggiatura.

Un altro aspetto della storia molto piacevole è il rapporto di Anna con la scrittura, come le avversità della vita l’avessero spinta a smettere di fare quello che più amava al mondo e di come, grazie al sostegno immenso dei suoi cari, troverà di nuovo la spinta per riprendere in mano la penna, ma non solo: la nostra protagonista ha un libro nel cassetto, e verrà incoraggiata a presentarlo al fine di farlo pubblicare. Questo aspetto del libro è molto bello e interessante, poiché sposta il romanzo su un piano concreto, in cui molte persone potranno riconoscersi, dacché racconta le difficoltà, come tirarsi su dopo l’ennesima mail di rifiuto, di quanto sia importante non lasciarsi abbattere. Se ci credi davvero, i sogni si avverano, e alla peggiore delle ipotesi, avrai una vita senza rimpianti.

La parte migliore del romanzo sono i messaggi che porta con sé, di piena accettazione e fiducia e amore. L’importanza di tornare a credere in se stessi e nei propri sogni, di vivere nel presente e trovare la forza di andare avanti smettendola di rimuginare nel passato, perché la vita è piena di magia se solo ci permettiamo di notarla.
Grazie a questo aspetto leggere il libro diventa un piacere, come un’iniezione di fiducia e ottimismo, e trovo che questo aspetto sia fondamentale, in quanto è una lettura che ti fa sentire bene.

Personalmente avrei preferito leggere questo libro in autunno, sotto una copertina e con una bella tazza di tè, perché questo avrebbe costituito lo scenario perfetto, nella mia mente, alla sensazione confortante che si ha leggendolo.

Se siete persone romantiche, che hanno smesso di credere nella magia della quotidianità e hanno bisogno di un po’ di fiducia e amore, questo libro è la lettura perfetta per voi: le parole dell’autrice arriveranno dritte alla vostra anima, e i suoi personaggi entreranno diretti nel vostro cuore.


Per questa recensione è tutto, ho preferito non concentrarmi su molti aspetti per non togliere il piacere della lettura e non fare troppi spoiler :D Io trovo sinceramente che questo libro sia un bel romanzo a tinte rosa, che può riaccendere la speranza e deliziare i cuori più teneri con la storia della rinascita di Anna, una protagonista per la quale è difficile non fare il tifo!

Se volete sapere proprio tutto di questo libro, non dimenticate di diventare lettori fissi del blog e seguirmi sui sociale per restare aggiornati (link in fondo!), poiché presto ci sarà un'intervista con qualche domanda che ho avuto modo di porre all'autrice, che si è rivelata una persona fantastica, dolcissima e super positiva, che mi ha caricato da morire :D Non potete assolutamente perdervela!
Fatemi sapere se conoscevate giù questo romanzo e quali sono i vostri sentimenti in proposito!
Io mando a tutti un grosso abbraccio, vi auguro di riscoprire la magia di questa fragile esistenza e, come di consueto, di fare buone letture!
Giorgia.

LINK: 
Instagram https://www.instagram.com/giorgiablablawilde/
Facebook https://www.facebook.com/Blabla-Letterario-161539574547621/

Link Amazon https://www.amazon.it/Portobello-Road-Annalisa-Malinverno/dp/8885464246/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1529691463&sr=1-1&keywords=Portobello+Road

Commenti

Post popolari in questo blog

Librecensione - "L'Ultimo Guardiano dei Sogni", Giulia Raiti