LIBRECENSIONE - "Seven Dreams" di Giovanni Magliulo


Salve a tutti amici del blog e ben trovati in una nuova recensione!
Quest’oggi voglio parlarvi di “Seven Dreams” di Giovanni Magliulo, edito nel Marzo 2017 per Panesi Edizioni. Il libro, al momento, è disponibile solo in formato ebook e ha un prezzo di 2,99€. Voglio prima di ogni altra cosa ringraziare l’autore per avermi omaggiata del suo romanzo e avermene permesso la lettura!

                                     

Trama: “Un gladiatore, un operaio del Nevada, il capo di una tribù africana, un orco cannibale, un’esperta di veleni, un rettile in grado di sputare acido e un enigmatico cavaliere sadico vengono strappati alle rispettive realtà e richiamati dal mago Eris nel regno di Duryan. Al gruppo viene affidata la missione di assassinare Wizen, un incantatore sul punto di aprire un varco tra le dimensioni allo scopo di muovere il proprio esercito alla conquista di tutti i mondi. Lo sforzo per il sortilegio appena lanciato uccide Eris, che prima di morire confida ai sette prescelti di aver legato le loro anime con un incantesimo, allo scopo di obbligarli a collaborare: se anche uno solo di loro dovesse morire, allora morirebbero tutti. Con l’unica speranza di tornare alle rispettive realtà riposta nelle mani dello stesso Wizen, ai prescelti non rimane che tentare di sopravvivere tanto ai pericoli provenienti da un mondo sconosciuto quanto alle loro stesse personalità disturbate.”

Il romanzo si apre con la descrizione dei personaggi e di come questi vengano strappati via dalle rispettive realtà di punto in bianco, mentre vivevano la loro quotidianità. Facciamo così la conoscenza dei sette protagonisti del libro: Centurio( forte e impavido gladiatore romano), Gork( un orco cannibale devoto a Gorush, dio della battaglia e del massacro), Zuma (saggio capo villaggio indigeno), Butch (operaio del Nevada forse un po’ stanco della vita, demotivato), Caos (un cavaliere terrificante che non conosce pietà, rivestito da una pesante armatura nera che non toglieva mai e accompagnato da un Imp, spiritello sfacciato che rappresentava la sua voce), una lucertola gigante( c’è poco da dire: è una lucertola gigante che sputa acido!) e Lei (che nel corso della storia scopriremo essere Elavh, unica donna della brigata).
I presupposti con cui parte il romanzo mi lasciavano estasiata ma perplessa. Se da una parte la prospettiva di capire come personaggi tanto diversi potessero interagire fra loro, convivere e portare a termine una missione insieme mi incuriosiva, dall’altra non vi nascondo il mio timore nell’avere a che fare con così tanti protagonisti. Tuttavia mai più preoccupazione fu più infondata dal momento che sono tutti caratterizzati molto distintamente, e ognuno di essi ha dei tratti che li contraddistinguono fin nei minimi particolari, rendendoli assolutamente inconfondibili. La caratterizzazione è realizzata nei minimi dettagli, ed è una nota di merito molto importante per l’autore, perché ciò permette di andare avanti nella lettura senza mai confonderli o perdersi. 
Il motivo per cui vengono tutti riuniti nel regno di Duryan dal mago Eris e dall’imperatore Auriel è per assassinare Wizen e combattere i Corrotti, i suoi seguaci.
Sappiamo che egli stava cercando di manipolare la materia in modo da fondere le dimensioni, allo scopo di scatenare il caos nella realtà. Il suo scopo è quello di aprire e controllare delle porte che facciano da tramite tra i mondi …… Perché chi controlla quella porta può imporre le proprie leggi all’intero universo.” Queste sono le intenzioni di Wizen, e il mago Eris ha sacrificato la sua vita per portare i sette eroi nel regno al fine di sconfiggerlo. Lo stratagemma che viene usato per far sì che si proteggessero tra loro ed evitassero di ferirsi a vicenda è quello che se uno muore, tutti lo seguiranno nell’oltretomba.
Dopo averli istruiti e aver dato uno straziante addio a Eris, i Sette sono pronti a partire: all’inizio scortati fuori le mura del reame dai soldati di Auriel, e poi lasciati a loro stessi e alle loro capacità.
Il viaggio che dovranno affrontare sarà ricco di pericoli e avventure e sorprese, raccontate con un ritmo incalzante e mai noiose. Il romanzo è ricco di colpi di scena e non si può mai star tranquilli, che sia per una sfuriata di Elavh, per un attacco a sorpresa o per l’estasi causata da fiori-serpenti.
Io ho apprezzato davvero un sacco questo romanzo. L’ho trovato decisamente un bel fantasy, ricco di scene d’azione e combattimenti epici, ma contenente un tocco di modernità che lo rende ancora più gradevole e interessante. Anche a livello psicologico è molto complesso: da parte del lettore, che deve capire come ognuno dei personaggi ragiona in base ai propri usi e tradizioni, ma anche da parte dei protagonisti stessi, che devono proteggersi per vendere cara la pelle nonostante talvolta si debbano trovare a difendere comportamenti che non approvano affatto.
Lo stile dell’autore è un’altra nota di pregio del romanzo: vividissime le descrizioni, ricche di particolari, talvolta crude ma sempre giuste, inserite al fine di far immedesimare al massimo il lettore.
Se vi piacciono i fantasy, se volete scoprire quali segreti e misteri si celano tra le pagine, vi invito calorosamente a leggere questo romanzo, perché è scorrevolissmo e davvero ben scritto. La storia poi è decisamente originale, e adoro da impazzire l’aspetto di “esperimento interculturale” che Magliulo ha deciso di porre come tema centrale di un romanzo a tema fantastico.
Per questa recensione è tutto, fatemi sapere se avete avuto modo di leggere questa bellissima storia e cosa ne pensate!
Io vi auguro buone letture e vi invito a restare connessi e magari diventare lettori fissi,  per non perdere tante altre recensioni e post!
Un abbraccio,
Giorgia.

Commenti

  1. Ciao! Io l'ho letto quest'estate... E non mi trovo per niente d'accordo con te: il mio giudizio è stato tutto l'opposto. Se ti va di leggere la mia recensione, la trovi qui: http://vuoiconoscereuncasino.blogspot.it/2017/08/recensione-seven-dreams-di-giovanni.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace che a te non sia piaciuto... Ho letto che non sei una grandissima amante del fantasy e magari sarà stato per quello!
      Personalmente a me è piaciuto tantissimo. Ma il mondo è bello perché è vario ^^

      Elimina
  2. Ti ringrazio per la splendida recensione, sono felice che il romanzo ti sia piaciuto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille a te per avermi omaggiato di questo splendido romanzo!

      Elimina
  3. Sembra veramente troppo interessante e penso che lo leggerò prima o poi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siii! Poi non mancare di farmi sapere cosa ne pensi!

      Elimina
  4. Interessante! Magari gli darò una chance 😉

    RispondiElimina
  5. Sembra veramente bello... mi piacciono i romanzi con molti personaggi, ma solo quando riesco distintamente a sentire le loro voci, altrimenti mi diventa troppo confuso. Grazie del consiglio e bellissima recensione come sempre ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai assolutamente ragione, infatti avevo un po' di timore nell'affrontare questo libro proprio per paura di non distinguere bene i personaggi e fare confusione. Invece è stato una piacevolissima sorpresa :D
      Grazie mille a te per la tua dolcezza <3

      Elimina
  6. No ma perché questo libro non è nella mia libreria??? Bisogna rimediare subito😍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siii :D
      Poi aspetterò con ansia la tua recensione ^^

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Librecensione - "L'enigma dell'ermellino, into the Painting", C.C.Omell

Librecensione: "Portobello Road", Annalisa Malinverno